Strict Standards: Declaration of Walker_Page::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1199

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1199

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1199

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::end_el() should be compatible with Walker::end_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1199

Strict Standards: Declaration of Walker_PageDropdown::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1244

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1391

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1391

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1391

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::end_el() should be compatible with Walker::end_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1391

Strict Standards: Declaration of Walker_CategoryDropdown::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1442

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class wpdb in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/wp-db.php on line 306

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class WP_Object_Cache in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/cache.php on line 431

Strict Standards: Declaration of Walker_Comment::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/comment-template.php on line 1266

Strict Standards: Declaration of Walker_Comment::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/comment-template.php on line 1266

Strict Standards: Declaration of Walker_Comment::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/comment-template.php on line 1266

Strict Standards: Declaration of Walker_Comment::end_el() should be compatible with Walker::end_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/comment-template.php on line 1266

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class WP_Dependencies in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/class.wp-dependencies.php on line 31

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class WP_Http in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/http.php on line 61
Hippo blog » 2016 » March

Archivio di March 2016

Tònno.

Monday 21 March 2016

No, per dire, io potrei mettermi a dormire mo’, adesso, e svegliarmi dopo Pasqua - se metto la sveglia…

La forza dell’òmme.

Monday 7 March 2016

Venerdì sera arrivo al solito posto davanti alla danza, che è un’enoteca quasi fighetta milanese che sta dall’altra parte della strada rispetto dove la mia ciampolina piccola quella grande fa lezione di danza.

La lezione finisce verso le settemmezza, e così io e l’ammmmore miiissimo abbiamo una scusa per trovarci una mezz’oretta prima all’enoteca e farci un bicchiere o due, per festeggiare che anche questa settimana se la sèmo levata dalle palle.

Questo venerdì arrivo un po’ tardi, e insieme all’ammmmore miiiisimo trovo AmicaBom.

Ciao ciao baci abbracci ciao ciao, poi faccio per togliermi il giubbottone peloso grosso e caldo, ma inizio ad imprecare il mondo, i santi e i demoni assiri perché si incastra la cerniera.

AmicaBom dice “vieni qua, ci penso io… è un Jan Le Petit de la Mer du Cul du Sac, vero?”

“sì” rispondo io

“allora ci penso io” aggiunge lei “sai, conosco l’amministratore delegato della Jan Le Petit de la Mer du Cul du Sac…

Io starei per replicare che non è che la cosa mi convinca più di tanto, cioè, sarebbe come se la tua panda si piantasse lungo la Paullese e io dicessi “ci penso io, una volta ho fatto un selfie con Marchionne”, ma temendo di incrinare le certezze di AmicaBom taccio.

Inoltre, spero che lei sia in grado di risolvere il problema, forse che i suoi rapporti misteriosi con il CEO dell’azienda possono in qualche modo darle un accesso diretto ai numi tutelare elle cerniere incriccate.

Io quindi resto in piedi, con il giubbotto addosso, mentre AmicaBom mantrugna con la cerniera.

Dopo un po’, scuote la testa e dice “è incastrato… prova a tirare i due lembi… forte, mi raccomando”.

Io, obbediente, brànchio i due lembi del giubbottone e tiro.

Forte.

Perché, cara AmicaBom, c’è questo piccolo aspetto che tu hai trascurato.

L’òmme.

L’òmme, in quanto òmme, ragiona con un sistema binario, bianco - nero, acceso - spento, azione - inazione.

E piano (quindi piano piano, proprio piano). Oppure, forte.

E quando tu dici a un òmme “tira forte”, all’òmme si chiudono le sinapsi, se mai si fossero aperte, e non ha alcun rilievo che l’oggetto destinatario della tirata sia un vaso di cristallo di Murano o la cinghia di trasmissione di una motoscavatrice industriale da tre tonnellate.

Esso, l’òmme, obbediente, tira forte.

E io, in piedi nell’enoteca, con addosso il mio giubbottone, in quanto òmme afferro i lembi del suddetto giubbottone e tiro.

Forte, come ha detto lei.

Con la stessa forza che metterei per spostare la cinghia di trasmissione di una motoscavatrice industriale da tre tonnellate.

Si sente prima uno “strap!”.

Poi una serie di “ping!” “pang!” “stiò!” “pèm!”.

E nel silenzio imbarazzato che segue, io resto in piedi con in mano i due lembi del giubbottone, ora ampiamente separati, mentre pezzi della cerniera sono volati sui tavoli vicini, nei bicchieri di vino e nei piattini di formaggio & salumi degli altri clienti.

AmicaBom mi guarda confusa, l’ammmmmore miiiissimo scuote la testa, io sorrido ebete e mi siedo.

Tornare a casa in scooter con il giubbottone aperto e svolazzante mi porta poi un allegro raffreddore, degna chiusura della serata.

àffrica.

Thursday 3 March 2016

Elviro venerdì va in àffrica, accompagnato dal Trattore.

Vanno a vedere l’albero.

E il pozzo.

E i bambini, la clinica, i letti, i macchinari, le infermiere, le suore.

E già che son giù, montano i pannelli solari, e io già immagino le gocce di sudore grosse come cocomeri che scendono dalla fronte, l’umidità, le bestemmie, gli occhiali appannati e i sorrisi.

Elviro mi ha detto daivienigiù, e io gli ho detto quantostate, e lui unasettimana e io alloranonposso perché già tre settimane fa ho fatto quasi una settimana in montagna e insomma lo so lo so che il lavoro non è la cosa principale della vita, però ci sono anche delle volte che uno deve dire e dirsi nonposso.

Quindi pàrteno, e io sarò attaccato a Facebook e whatzapp e sticazzi per vedere cosa fanno e affondare nell’invidia.

Perché questa voltal’àffrica, gli àffricani che sono àffricani e fanno le cose alla àffricana, e prima t’incazzi e poi dici sticazzi, e diventi un po’ àffricano anche tu, il caldo, leggèntem, le macchine, le strade, la terra, la furesta, la birra, le cose da fare che ti fai un mazzo più che qua ma è diverso, e alla fine anche andare a vedere di persona checcazzo abbiamo combinato, laggiù.

Dici ma vabbè la prossima volta, e c’hai raggione, c’hai, ma io volevo adesso.

E mi domando se non esserci andato significhi che sono diventato grande, o che, invece, non lo sono ancora diventato abbastanza.

Minchia, l’àffrica.