Strict Standards: Declaration of Walker_Page::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1199

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1199

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1199

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::end_el() should be compatible with Walker::end_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1199

Strict Standards: Declaration of Walker_PageDropdown::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1244

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1391

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1391

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1391

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::end_el() should be compatible with Walker::end_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1391

Strict Standards: Declaration of Walker_CategoryDropdown::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1442

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class wpdb in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/wp-db.php on line 306

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class WP_Object_Cache in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/cache.php on line 431

Strict Standards: Declaration of Walker_Comment::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/comment-template.php on line 1266

Strict Standards: Declaration of Walker_Comment::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/comment-template.php on line 1266

Strict Standards: Declaration of Walker_Comment::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/comment-template.php on line 1266

Strict Standards: Declaration of Walker_Comment::end_el() should be compatible with Walker::end_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/comment-template.php on line 1266

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class WP_Dependencies in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/class.wp-dependencies.php on line 31

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class WP_Http in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/http.php on line 61
Hippo blog » 2009 » January

Archivio di January 2009

Altri mondi…

Wednesday 28 January 2009

Dal corriere:

“Va in banca coi soldi del monopoli e riesce anche a farseli cambiare

Storia al limite dell’incredibile a Oslo: una signora si fa cambiare allo sportello 190 euro.

La banca norvegese si giustifica “sbagliare è umano”.

OOOOOOOOOHHHHH!!!!ù

IO IO IO c’ho dei terreni in Florida mo’ stanno un po’ paludosi ma tranquiiiiiiilllo cassiere della banca di Olso tempo tipo un anno ed è tuuuuuutta una Disneyland maccheddico Beverly Hills a quest posto gli fa la spesa, te dammi giù due milioni di euri e stai in una botte dde fero.

Che scherzi, ma saran dieci anni fa un mio amico - conoscente mi dice “ma te è vero che conosci quel tale parecchio ricco?”

e io “bhe sì”

“ecco allora senti fammi un piacere”

“prego”

“ecco te gli chiedi che mi dia dieci miliardi (stavano le lire…) che ho conosciuto uno che fa affari in America e te gli dai dieci miliardi di lire lui li fa girare per tre mesi e dopo tre mesi lui te ne ridà sedici e si tiene il 10% di commissione”.

Ecco, quello che mi faceva la proposta - serissimo, e sottovoce controllando che non ci sentisse nessun altro - non è che fosse Maddoff o il Capo della Borsa di Hong Kong o il figlio del Signor Mercedes, che uno dice vabbè oddio però magari, no no, era uno che stava torturando la povera vecchia madre per farsi dare un pezzo della sua pensione per finire di pagare l’insegna di un negozio di rubinetterie che aveva intenzione di aprire di lì a poco a dalle parti di  Vergate sul Membro.

E voleva che chiedessi a questo conoscente ricco “ooohhh senti bella zio oooohhh dai fratello bella lì senti dammi giù un deca, miliardi intendo cazzo mi allunghi il diecimila barbone di un barbone, che poi abbiamo tutto in piedi un cinema che ooooohh te non lo sai ma miiiiinchia vedrai che starai contento”.

E me lo chiedeva seriamente, ed al mio “bhe no sai però io ecco” mi rispose “”no no capisco ecc’hai raggione, ma tranquillo, facciamo così, te mi porti da lui e glieli chiedo io, dieci miliardi, che vedrai lo convinco”.

E giuro che, al di là di qualche dettaglio per la prìvasi dei soggetti coinvolti, è tutto maledettamente vero.

C’è in giro dei pirla.

Come la Juve, voi siete come la Juve…

Tuesday 27 January 2009

Si parla di calcio.

D’altronde, nello spogliatoio di una palestra, o parli di calcio, o parli di gnocca, non è che ci sian poi tante altre opzioni.

E poichè l’argomento gnocca era stato ampiamente trattato in sauna, si era passati al calcio.

E si parlava dell’Inter.

Hippo - Ma se avete tolto alla Juve il titolo di squadra più antipatica d’Italia!!! -

L’Interista - Sì, è vero… e anche questo titolo, l’abbiamo conquistato senza rubare!!! -.

Baby Boom.

Monday 26 January 2009

Sai quando ti svegli e vedi fuori dalla finestra che c’è un pooooooco pooooooooco di luce e dici chissà che ore sono, poi prendi l’orologio e vedi che hehehe manca ancora più di un’ora alla sveglia hehehe adesso gliel’ammollo secca minchia quest’ora me la godo come un riccio che imita un maiale, hehehe, e ti giri e ti avvoltoli nelle coperte fai ruff ruff sul cuscino ahhhh minchia quest’ora che manca sarà la mejo di tutta la notte?

Ce l’hai presente?

Ecco.

Poi il Piccolo Pasticcio che dorme nella cameretta decide che invece è ora di sveglia, e hai voglia a dire “noi siamo in due e vogliam dormire, te sei da sola a voler star sveglia, è la democrazia”, the Baby Pastich non è molto propensa alla democrazia (da chi avrà preso??????), e quindi quell’ora la passi nel dormiveglia.

Che poi.

Che poi, a dirla tutta, il dormiveglia si articola come segue.

Appisolamento.

Tre - cinque minuti di sonnino, quello preparatorio alla ronfata profonda e sugnosa.

Uheee uheee.

Magari smette.

Col cazzo che smette.

Uheee uheee.

Allungo la zampa, e do un leggero ed amorevole calcetto a quell’essere meraviglioso & santo che dorme (…) accanto a me.

Ella si alza, va dalla Petit Patisserie e la calma.

Torna a letto.

Io mi riaddormento sereno, che ho fatto il mio.

Bei posti.

Friday 23 January 2009

La citazione arriva dall’Inghilterra, e quindi si parla di Mèncester, ma per come la vedo io qui in Italia fnziona alla grande per parecchi posti.

“Prima di morire, ho deciso di passare qualche mese a Manchester”

“A Manchester? E perchè?”

“Così il passaggio sarà meno traumatico…”.

Bilancia (non Donato…).

Wednesday 21 January 2009

La bilancia di casa Hippo e famiglia ha tirato il calzino.

Nel senso che da tre giorni ogni mattina dava sempre lo stesso peso, preciso all’etto, sia che il giorno prima si fosse corso per tre ore, o invece oziato come paguri spiaggiati sul divano, ingozzandosi di Girelle Motta e bevendo birra direttamente dalla fonte (perchè la birra nasce spontaneamente da una fonte posta da qualche parte sulle colline bavaresi, zampillando fresca, e tutte le frescacce sul luppolo etc. etc. son appunto frescacce per i gonzi come voi).

Quindi ci siam decisi e l’ammmore mio è andata all’Ipercoop - a mia insaputa, che sennò col cavolo che le permettevo di finanziare i comunisti i cinesi, i nordcoreani e il KGB - ed ha acquistato la bilancia di star treck.

Infatti essa la bilancia ci sali e dice “buongiorno Hippo” che ti riconosce fin dal mattino, che in realtà al mattino io allo specchio non mi riconosco nemmeno io.

Te ci sali sopra e lei fa bzzzzzzz e ti dice prima di tutto il peso, in quanto bilancia.

E già qui non ci siamo, che stacazzo dde bilancia pesa netta secca aggratis track! due chili più di quell’altra.

Dici sarà difettosa questa no era difettosa l’altra.

Immagina te come ci si sente a metter su due chili in una notte.

Fanculo.

Poi la bilancia “Signor Sulu” nell’ordine di emette dei numeri che sarebbero la percentuale di massa grassa, di acqua nel corpo e di massa muscolare.

Ma son numeri, che di per se’, alla fine, tipo “massa grassa 23″, uno dice bhe 23, poteva essere 55 o 187, sticazzi, 23 è anche il numero di Michael Jordan che fisicamente stava mica messo male…

Ma la subdola macchinetta ha, nelle pieghe più remote della confezione, un libricino.

Le istruzioni, direte voi.

Esatto, rispondo io. Le istruzioni, come tutte le macchinette, che ti dicono “complimenti per aver acquistato questo straordinario prodotto dell’ingegneria polacca”, e tutte le spiegazioni del caso.

Poi, però, all’ultima pagina delle spiegazioni c’è l’INFAME TABELLINA.

L’INFAME TABELLINA che dice quanti anni hai? e tu cerchi la colonna della tua età e scendi e c’è la riga “massagrassa” e accanto al numerino tuo c’è la fotogarafia di Ciccio di Nonna Papera.

Ho omesso di proseguire controllando acqua, olio, filtri etc.  e d’ora in poi mi peserò solo all’autoparco, dove van su i bilici a pesare i rimorchi.

Fuck the viet kong.

Tuesday 20 January 2009

Fanculo i communisti.

Sto guardando in internet la cerimonia di Obama, e in culo ai communisti, agli africani, agli arabi, a sticazzi, LORO sono una grande democrazia, lo sanno, se la tirano, e c’hanno tutte le ragioni.

Baby Booms.

Monday 19 January 2009

Poi dice l’imprinting non conta.

Se se se…

poi ditemi voi come lo vedete, tra una quindicina d’anni, questo qui, per dire, eh.

 

http://www.facebook.com/video/video.php?v=1036414559495&ref=nf

				

Culi, culande e vita bassa.

Monday 19 January 2009

Giòrgio (con la “o” rigorosamente chiusa) Armani parla di pantaloni- esticazzi, direte voi.

«Abbiamo puntato su quelli a vita alta — spiega — perché è un modo per esaltare la linea. Il continuo boom di quelli a vita bassa? Perché nascondono di più e vanno bene per chi ha un brutto culo. Se al contrario uno ce l’ha bello e si mette calzoni così bassi, vuol dire che è soltanto un deficiente».

Lunedì.

Monday 19 January 2009

Hippo, alla macchinetta del caffè  - cazzo io i lunedì veramente non ce la faccio poi con sto tempo dimmerda -

Collega, mentre sorseggia il caffè - sì però almeno ha perso l’Inter -

- ah bhe eh bhe ah bhe vero vero ah bhe bhe -.

Ma da chi ha preso????

Monday 19 January 2009

Ieri pomeriggio son passati da casa due amici, una coppia con due belle bimbe.

In tutto, quattro.

Si son seduti, hanno tolto i cappotti, ed hanno iniziato a conversare amabilmente, del più e del meno, mentre le bimbe piluccavano i biscotti al cioccolato gentilmente offerti.

La mia amatissima antidemocratica figlia (si fa quello che voglio io, e se non vi va bene cazzi vostri) dopo dieci minuti ha attaccato un pianto rabbioso e furioso che sembrava la stessero torturando coi fèri infuocati.

Capirete, dopo dieci minuti gli amici hanno scosso la testa, ha detto “eh che vuoi fare da piccoli son così” e si son cortesemente sciacquati dai maroni.

La porta si è chiusa, e si è distintamente sentito il “clong!” dell’ascensore che partiva.

la piccola vigliacca ha  rallentato un po’ il pianto, e mi ha guardato con l’occhione dubbioso.

Io ho scosso la testa, e con aria rassegnata le ho detto “sì, sono andati via e non tornano più, tranquilla, in casa nostra quelli non li rivediamo tanto presto”.

Essa ha fatto un ultimo “‘nnnnghè!”, con la tipica soddisfazione di ha sa di aver fatto bene il proprio lavoro, si è girata e si è assopita serena.

L’ammmore mio unico e grande, che oltre ad occuparsi dei due bambini che abbiamo in casa - una è la piccola, l’altro è un po’ più grosso, e quindi fa danni più grossi… - ella sa le cose che vanno sapute.

Ella ha quindi annuito ed ha detto “eh, è evidente che essa la bimba ritiene che se uno viene in casa e sosta per più di cinque minuti automaticamente sia da considerare uno spaccamaroni, che va combattuto come uno sciame di cavallette…. DA CHI AVRA’ MAI PRESO QUESTA SIMPATICA ATTITUDINE???????????”.

Io ho guardato l’ammmore mio con la faccia stupita del pesce in casseruola, ma appena non mi ha visto mi son girato verso la bymba e le ho detto “bella a’ papà!!!”, e sorridevo felice.

Annuncia.

Friday 16 January 2009

Ieri l’Annunziata durante la puntata della trasmissione di Santoro ad un certo punto gli ha detto “Michè te lo dico come amica ma sei un comunista dimmerda”.

Occhei, forse le parole non erano proprio quelle, ma il senso sì.

Bella zio, Lucì.

E.R. medici in prima linea.

Friday 16 January 2009

La My Personal Vespetta annaspa.

La diagnosi è che la gomma dietro si sgonfia.

Io l’ho rigonfiata, ma essa si sgonfia, imperterrita.

Ho chiesto, e dice “eh, quando fa così è merda”.

Son molto ma molto ma molto preoccupato.

Sarà grave?

Che io a vederla soffrire non ce la posso fare, piuttosto me lo dicheno che la abbattiamo, eh.

Baby boom.

Friday 16 January 2009

- E la bimba come va? -

- Guarda benissimo, stanotte ha dormito per più di sei ore filate!!! -

- Eh, si sta preparando… -

- Preparando? E per cosa? -

- Per star sveglia tutto il fine settimana e rovinare qualsiasi parvenza di programmi aveste mai fatto… -.

Days like this.

Thursday 15 January 2009

Fab mi dice “hai mica una granata, per le mani?”

e siccome le giornate si assomigliano, io capisco subito che se l’avessi, lui me la chiederebbe in prestito, per poterla poi lanciare in mezzo all’enorme pletora (no, dico… “pletora”! Questo è un blog con cazzi, controcazzi e cazzi al cubo, altrochè) di spaccamaroni che ci assillano, non so se avete presente gli zombie del film di Romero, lenti, stupidi, con i bracci in su e che fanno “eeeeeeeeehhhh” sbavando, che con un colpo di vanga in tesa li ammazzi, ma tanti, tantissimi, troppi: un’inarrestabile orda di spaccacazzo che alla fine ti sovrastano e vincono con la sola forza dei numeri, come l’esercito cinese che dicevano una volta hanno armi dimmerda sì ma sono un miliardo non ce la fai a sparali tutti.

Son giorni così.

Daje presidè.

Tuesday 13 January 2009

“Io non vado alla presentazione di Obama perchè sarei una comparsa, e io sono uno che invece è protagonista. Però gli mando due righe”.

LUI è il mio presidente, ed io lo trovo un genio, e voi dite quello che volete.

Calcio.

Tuesday 13 January 2009

Non capisco cosa ci sa di interessante in ventidue imbecilli in mutande che corrono dietro ad una palla.

Io il calcio solo ai mondiali, con gli amici.

E’ solo roba di soldi.

Moggi!!!

Seeeeee… avete ragione. Nel senso che il calcio, o ti arrazza la minchia, o ti fa cagare.

E se ti fa cagare, spiace, è come uno che non gli piace la cioccolata, o il jazz, o leccare la gnocca, cioè , son gusti oh, però ti perdi qualcosa.

E per chi invece ci piace - intendo il calcio, non fermatevi sulla cosa di leccare la passera, eddai… - ho letto questo, su un blog, che mi ha fatto prima dire “eccerto, checc’è di strano”, poi mi ha fatto parecchio sorridere (il blog è roba di inter, ma è uguale anche per gli altri).

“Ieri sera, mentre guardavo Inter-Benfica (finale Coppa Campioni 1965) su Espn Classic, a un certo punto mi sono alzato in piedi e ho detto: “Cazzo, Peirò, passala!”.

Vincenzina.

Monday 12 January 2009

Luca Carboni ha fatto un disco di covers.

Mica è il primo a farlo, oh. Anzi, c’è gente come Mannoia o Mia Martini che levati, quando cantano le covers.

Che poi canta roba di diversi cantanti, e non è la prima volta che dico “belle, ma quella che gli è venuta meno bene è quella popo del cantante che di solito dici ma questo come cantante fa un po’ caghèr, cioè è bravo la canzone bellissima ma insomma lui oddio per quanto”.

Nel senso che Vincenzina (Davanti alla Fabbrica), di Jannacci - che dici è facile, basta tirare in lungo la fààààààààààààbricaaaaaaaaaaaaaa - non mi ha convinto pèggnente.

Poi, oh, son gusti.

Diec’anni.

Monday 12 January 2009

Io alla mia bimba credo che l’imprinting sia importante, e le faccio ascoltare solo cose buone.

Son dieci anni, e De Andrè le piace parecchio - e anch’io, quando glielo metto su e mi fermo ad ascoltarer, poi faccio fatica per qualche ora, a rimettermi sull’ipod nelle recchie a manovella l’ultimo dei Gazosa…

Ammè.

Friday 9 January 2009

Ammè il sole mette addosso una non indifferente voglia di fare un cazzo.

(Oddio, pure il freddo, la neve, la pioggia, il caldo umido, il secco, la mattina, la sera, un buon pasto, il digiuno…).

Facebook netiquette.

Friday 9 January 2009

La ggènte usano facebook.

Il mio amico Trattore, per esempio.

Che viene richiesto come amico da una, insomma una che ai tempi faceva il liceo con noi.

E che ai tempi era un cesso da sbarco non indifferente, mi par di ricordare.

Dalle foto che lei mette su facebook, tuttavia, pare che il tempo abbia fatto un po’ come il fiume sulle rocce, lèviga, lucida, toglie le incrostazioni e smussa gli spigoli, insomma dalle foto pare - e dico pare - esser diventata un bel figone paciarotto.

Il Trattore, tuttavia, egli è uomo di mondo, e sa che la ggènte su facebook mettono l’unica foto in cui possono sembrare non dico fichi, ma almeno dignitosi.

Quindi il Trattore accetta la richiesta di àmmico!  della guagliona.

Tuttavia, siccome siam mica qui a perder tempo e di avere dei tegami da guerra come amici non ce ne frega una cippa le manda anche un messaggio, che riporto paro paro:

“MA CHI SSSSEI?? MA NON ERI BRUTTA ACETA????”.

Screamin’ Monkeys.

Thursday 8 January 2009

Hippo - E quindi? -

Il Presidente Bugliaschi - e quindi stiamo preparando il viaggio in Senegal, abbiamo trovato una suorina che ha i bimbi che stanno male e c’ha un orfanotrofio che le portiamo soldi e medicinali e altra roba -

- fico! Quindi Milano - Dakar, passando per tutto il Marocco, le piste della Mauritania dove stanno le mine, la frontiera col Snegal sul fiume Rosso dove i doganieri si rubbano anche le mutande, poi fino a Dakar nella sawana? -

- esactually! -

- e siamo precisi, in bolla? -

- guarda, per dirti come siamo precisi in bolla, la macchina quella grigia l’abbiamo presa l’altro giorno e in tre ore di guida abbiamo scoperto che i freni dietro sono incriccati, il tubo del servo sterzo si è ammalorato, il selettore gas / benzina non va e la trasmissione fa un brutto rumore -

- brutto quanto? -

- eh non abbiamo approfondito che era tardi ma bello bello bello non era, il rumore -

- ah -

- eh -

- eeeeee…. l’altra, macchina? -

- ah l’altra è più semplice! -

-meno male! -

- sì infatti quella non si accende proprio, però abbiam guardato dentro e abbiamo visto che c’è la muffa -

- come la muffa????? -

- la muffa! hai presente il parmigiano, dopo che sta in frigo per due mesi? -

- sì! -

- ecco, fai come se dentro, la macchina, sta tutto di parmigiano da tre mesi -

- ah! -

- eh! -

- eeeeee… quando si parte? -

- presto! -

- sì sì presto presto, che in bolla, siamo precisi, in bolla -

- precisi, in bolla -.

Occasioni.

Thursday 8 January 2009

“Cosa pensi di quello che sta succedendo a Gaza in questi giorni?”
“Sapevo già che sarebbe successo, è una profezia della Bibbia. Il popolo di Israele era quello prediletto da Dio. Ma non l’ha riconosciuto e ora ne sta pagando le conseguenze”.

By Nicola Legrottaglie, difensore della Juventus.

Uh, che bellissima occasione per star zitto buttata!!!!!!!!

Mouggi.

Thursday 8 January 2009

GEA non era associazione a delinquere.

Babbo e figlio Moggi, loro sì, hanno commesso il reato di violenza privata (cpd. pen., art. 610: “chiunque, con violenza o minaccia, costringe altri a fare, tollerare, od omettere qualcosa è punito con la reclusione fino a quattro anni”).

Da un’associzione mafiosa o paramafiosa che faceva e disfaceva e controllava centinaia di giocatori e decine di squadre, ad una condanna ad una pena inferiore ad un terzo del massimo previsto, per avere esercitato pressioni su quattro - quattro! - giocatori.

Gli altri soci ed ex soci della GEA, assolti.

A me, la condanne scritte sui giornali son sempre piaciute poco.

Cannavacciuolo.

Wednesday 7 January 2009

Fabietto Nostro Cannavaro specifica il senso delle sue dichiarazioni su Gomorra, e dice:

“la mia paura è che, invece, all’estero Napoli e la Campania vengano associate alla mafia, alla spazzatura”.

NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!

Fabbbiè statt’ tranquillo, ma popo popo tranquillo, ma guarda che NESSUNO ha MAI nemmeno lontanamente PENSATO di associare Napoli alla mafia e alla spazzatura… Fabbbbiè, e la pizza, dove la mettiamo, la pizza?

Le cose al loro posto.

Wednesday 7 January 2009

A capodanno mi arriva un sms da “Puttanone”, che è il simpatico soprannome sotto il quale ho memorizzato la cara e mai abbastanza riverita mia prima fidanzata, che ricordo di rado, ma sempre in momenti molto intensi e personali, l’ultimo per esempio quando ho pestato il mignolino del piede in piena notte contro lo spigolo del cassettone andando in bagno al buio.

Dci cosa c’entrava lei? niente ma dopo una interminabile sequela di parolacce, imprecazioni, bestemmie e maledizioni varie, ecco che mi è subito venuta in mente lei.

E insomma l’sms da “Puttanone” dice “per il 2009 abbracci ed auguri mauritani”.

E io subito mi domando “che cazzo ci fa la Dottoressa Tizia Caia, in arte Puttanone, in Mauritania????”.

Infatti, conoscendola, nulla mi appare più distante da lei di un paese africano, sulla soglia della povertà, con guerre civili che vanno e vengono ed in generale molto poco simile a Porto Rotondo a luglio (ad agosto no, è pieno di cafoni), che è sempre stato il suo ideale di viaggio esotico ed avventuroso.

Probabilmente, mi son detto, si è installata anche in Mauritania in un cinque stelle lusso quasi sei, coi frotte di negri che le fanno aria con piume di struzzo.

Certo, mi son detto poi, è anche possibile che invecchiando essa abbia deciso di dare un senso umanitario alla sua inutile vita di Puttanone ed sia andata, in quanto Puttanone ma Puttanone medico, a far del bene tipo in una ONG in Mauritania.

Condivido quindi stamane la riflessione con l’Algido Presidente Bislacchi, con il quale le Scimmie Urlatrici stanno organizzando, tra stenti e difficoltà enòmmi, un viaggio Milano - Dakar via Mauritania per questa primavera.

L’esimio Presidentissimo Cavalier Berlucchi concorda con me nel ritenere assai più probabile l’opzione cinque stelle lusso con negri al seguito, piuttosto che un ritorno di umanesimo nel cervellino del Puttanone, ma insomma si sa mai. 

Subito dopo l’Efrastico Presidente Bigozzi aggiunge cazzo orco qui e orco là minchia però vedi che in Mauritania vanno cani e porci - e Puttanoni!!! aggiungo io - tranne noi che siam qua a dibatterci nelle difficoltà per andare a far del bene orco su e orco giù!!!!

E la cosa finisce lì, che insomma il tempo che uno dedica al Puttanone è sempre tempo che togli a cose più importanti, tipo levare le caccolette dagli angoli delle unghie dei piedi.

Poi oggi via facebook mi arrivano gli auguri di una comune amica mia e del Puttanone, auguri che son andati dritti nella casella “mavacagare!!!”, casella sempre più affollata ogni anno che passa.

Allora rispondo all’amicadelPuttanone e le chiedo “oooooooo scusa ma che cazzo ci faceva in Mauritania il Puttanone?” (ho in realtà usato il nome e cognome del Puttanone, in quanto non ero sicuro che essa sia davvero conosciuta urbi et orbi nella sua qualità di Puttanone International, ma non dispero per il futuro).

E questa mi risponde “cosa c’entra la Mauritania?”

“eh mi ha scritto saluti e auguri mauritani vuol dire che stava in Mauritania”

“no saluti e auguri mauritani vuol dire che stava alla Maurutius, è tornata giusto ieri”.

Aaaaaaaaahhh i saluti mauritani nel senso delle Mauritius, non della Mauritania.

Ora le cose son chiare, il Puttanone è tornato al posto che le compete, ed io affronto questo 2009 senza che le mie certezze sian state scalfite.

Certo, purtroppo le Maurituius sono all’improvviso scese nella mia personalissima classifica dei “posti da vedere prima di morire” subito dopo Il Parcheggio delle Auto in Affitto della Maggiore Autonoleggi presso l’Aeroporto di Casalecchio, ma insomma sopravviveremo anche a questo.