Strict Standards: Declaration of Walker_Page::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1199

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1199

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1199

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::end_el() should be compatible with Walker::end_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1199

Strict Standards: Declaration of Walker_PageDropdown::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1244

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1391

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1391

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1391

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::end_el() should be compatible with Walker::end_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1391

Strict Standards: Declaration of Walker_CategoryDropdown::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/classes.php on line 1442

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class wpdb in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/wp-db.php on line 306

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class WP_Object_Cache in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/cache.php on line 431

Strict Standards: Declaration of Walker_Comment::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/comment-template.php on line 1266

Strict Standards: Declaration of Walker_Comment::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/comment-template.php on line 1266

Strict Standards: Declaration of Walker_Comment::start_el() should be compatible with Walker::start_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/comment-template.php on line 1266

Strict Standards: Declaration of Walker_Comment::end_el() should be compatible with Walker::end_el(&$output) in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/comment-template.php on line 1266

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class WP_Dependencies in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/class.wp-dependencies.php on line 31

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class WP_Http in /var/www/vhosts/hippoblog.net/httpdocs/wp-includes/http.php on line 61
Hippo blog » 2008 » December

Archivio di December 2008

PUM!

Wednesday 31 December 2008

Minchia, diggià coi botti?

La faccina da rompiballe cellà…

Monday 29 December 2008

Il corriere racconta della festa di Natale di Sarkò e Carlà Brunì.

Era una roba in pubblico.

Lei ha acchiappato la chitarra per cantare - per rallegrare la serata, vien da dire, visto la toda joia che trasmettono le sue allegre canzoncine - lui è arrivato da fuori e si è messo a salutare la troupe che stava a riprendere il tutto.

Poi lui - il Presidente dell Francia, mica la merda - si avvicina a lei, che lo guarda lo snasa e poi gli dice “ma tu pùzz de fùm!! Ma tu ha fumè!!!”, tutta schifata.

Ora, te sarai anche un bel pezzo di cinghiala, non dico di no anche se sei secca secca, ma insomma lui è il presidente della Francia, ripeto mica la merda, e se a Natale vuol uscire sul balcone e farsi mezza zibba, che poi farà anche un freddo canajo e deve anche stare attento a non farsi vedere fotografare etc., e quando arriva te lo schifi pure perchè “puzza di fumo”????

Ecchessaramai!

Eccheccazzo!!!

Io non fumo, però minchia se ci fosse il giro Carlà fumerei solo a spregio, minchia.

Che poi, io per certe cose c’ho l’intuito, lei la faccina a cazzo della tipica rompiballe ce l’ha proprio precisa precisa, lasciate dire a me…

Napul’è.

Monday 22 December 2008

Egli è uscito gridando “vergognatevi!!! Fate schifo!!!” dagli uffici del Comune di Milano, inseguito dalla minaccia “stii attento che chiamiamo la forza pubblica”.

Egli è fiero di essere invecchiato, ma restato incazzato ed intollerante come ai bei tempi.

Bùsse.

Monday 22 December 2008

Allora dice che a Roma hanno arrestato il conducente del bùsse che ha messo la retro senza guardare e KRA! ha schisciato uno che aveva parcheggiato dietro e era appena sceso dalla màcana.

L’hanno arrestato perchè risulta che il bussaro (bussista? Bussese? Bustocco?) era impiallato di bamba, fatto di coca, insomma si era pippato la Colombia intera e buona parte del Perù.

Ora.

Chiunque abbia mai anche solo preso un taxi, a Roma, ha una vaga idea del traffico.

Ma traffico non nel senso del traffico normale, nel senso di FERMI, poi ogni tanto si smuove qualcosa,  e tutti si tuffano nel buco e formano una inestricabile croce uncinata, tra scooter che si infilano in ogni dove e autobblù che insistono a voler passare con le sirene a manetta.

Questo, con una macchina normale.

Pensa un autobus.

Con le corsie preferenziali che a Roma la ggènte ce mettono il tavolo per il picnic e le usano come area de sosta, altro che corsie preferenziali.

Ecco, io già dopo mezz’ora alla guida di un autobus potrei ammazzare qualcuno a colpi di vanga.

Ecco.

Pensa se sei anche impizzato ingessato rigido teso e con gli occhi dde fòri.

No no, ve lo dice l’avvocato, quello dell’autobussaro imbambato è omicidio premeditato, altrochè.

Mattino.

Monday 15 December 2008

Che ti svegli al mattino ed è come tutte le mattine ma c’è qualcosa di nuovo.

Hippo

thx 2 Fab 4 sèppi ;).

Se.

Monday 15 December 2008

Se sàssi… se seppi… se seppia, no questa non c’entra… se sùssi, sèssi, se sàilo… oh insomma!!!!, se ero capace, mettevo su sul blogghe una foto di me e della mia bimba, che ci ha fatto l’amore mio e che non smetterei mai di guardarla, se sàssi.

Ponzi (non lui, il fratello…).

Monday 15 December 2008

Voi che l’economia al massimo è il prezzo dei carrubi sulle bancarelle e la finanza è solo quella in divisa, secondo me manco sapete chi è Madoff, Bernard L. Madoff.

Ve lo dico io.

Madoff è uno nato nel 1938, che si occupa di finanza.

E’ - dicono - più o meno quello che ha inventato gli hedge funds come sono oggi, che con la sua compagnia finanziaria gestisce un patrimonio da 50 miliardi di dollari (mica merda, aggiungerei).

I suoi fondi sono tra i più desiderati e riservati.

Sta la fila, per dare i soldi ai fondi di Maddoff.

Dice io voglio darti dei soldi, lui dice sì ma meno di 50 milioni di euri non ci interessi, te dici no no ci metto cinquanta milioni di euri, lui dice vabbè mo vediamo chi sei, adesso fondi per te non ne abbiamo, però forse tra un anno, ti metto in lista, sei il ventiseiesimo, se ti va di culo tra un paio di anni ti facciamo entrare in un fondo nostro.

Maddoff è uno così.

Uno dei due o tre guri della finanza mondiale.

Adesso una parentesi.

Siccome la finanza per voi son solo quelli che prendono le bustarelle dal verduraio, e l’economia è una cosa che “a me quel Tremonti lì mi sembra uno serio”, non sapete cosa sia lo “Schema di Ponzi”.

Ve lo dico io.

Charles Ponzi è un immigrato italiano (chettelodicoaffare…) che tra verso il 1920 si è inventato esperto di finanza fino a gestire la modica somma di 500.000 dollari, nel 1920, che son soldi, oh!

Come ha fatto?

Ha detto al primo “dammi i soldi che ti do un interesse del 20%”, poi ha preso i soldi del secondo - al quale ha fatto la stessa promessa - e li ha usati per pagare gli interessi del primo, che era tutto contentone.

Poi a un certo punto il giochino si rompe, come è logico, e il buon Ponzi l’hanno gabbiato, ma lo “schema Ponzi” è diventato tipico, nella finanza, soprattutto tra quelli che si arrubbano i soldi dei poveri gonzi promettendo guadagni stratosferici.

Fine dell’intermezzo.

L’11 dicembre l’FBI ha preso Maddoff e gli han detto “OOOOOHHHH!!! Qui non stai pagando nessuno!! Che succede? Tira fuori i 50 miliardi di dollari!”.

E Maddoff ha risposto “I am sorry, I have not those money, it was all a Ponzi Scheme, I nearly have 200 millions “.

Ma questo l’ha buttata al culo alla finanza mondiale, dal 1987, e con parecchia vasellina, che nessuno se n’è mai accorto.

*

Update delle 16,50:

“Un altro concorrente, la società di consulenza per hedge fund Aksia di New York, alla fine del 2006 aveva messo in guardia la propria clientela dopo aver scoperto che i conti di Madoff erano certificati da una società di revisione, la Friehling & Horowitz, che aveva sede in un buco da venti metri quadri e contava solo tre dipendenti: un partner ultrasettantenne residente in Florida, una segretaria e un impiegato che faceva solo sporadica comparsa in ufficio”.

MITICO!

Bèa ggènte.

Monday 15 December 2008

Eravamo io, Shquille ‘O Neal, quello dei Pitura Freska e Mario, quello che lavora in Feltrinelli in Buenos Aires, che dovevamo andare al concerto dei Gazosa, ma poi siamo andati lunghi con l’aperitivo, poi dai, insomma, i Gazosa…

Dnoi3.

Thursday 11 December 2008

Premessa.

Come tutti i babbi di questo mondo, sono schiavo della mia bimba e della sua mamma, che sono le più belle e brave del mondo, spiace per gli altri, è andata bene a me, sculo merda a voi.

A parte questo, temo che infragnerò il blog con robe di bimba, che magari son noiose, non so, come quando certe mamme mi raccontavano felici del colore della cacca del loro frugoletto, e io non riuscivo a capire.

Ma quest’è.

*

Dicono che fino a tre mesi non veda.

Non che non veda non veda, vedere vede, ma vede come delle ombre, le luci, i contorni sfumati e sfuocati.

Però quando parli e sei lì vicino lei apre gli occhi i guarda verso di te.

Pensavo, pensa che bello.

Che nei prossimi mesi, un piccolo passo per volta, una mattina dopo l’altra, quell’ombra scura, quell’immagine sfocata che le passa davanti agli occhi quando sente quella voce diventerà, piano piano, l’immagine della sua mamma, o del suo papà.

E’ un modo dolce e lento lento, per entrare nel cuore di qualcuno, e restarci.

Grinta.

Wednesday 10 December 2008

La notizia è che una donna indiana ha fatto un figlio a 72 anni.

Bene, brava, è giusto, non è giusto, non si sa, discussioni, morale, cazzi, buffi, mazzi.

Ma c’è un particolare che nessuno ha ancora evidenziato a sufficienza.

Lui, il marito.

No, dico, parliamone, che ci vuole una bella grinta, làssa sta…

Snow III.

Wednesday 10 December 2008

…no no, bella l’idea di venire a lavorare a piedi proprio il giorno che nevica, e con le scarpe nuove con la suola di cuoio lìssia lìssia…

‘taliani…

Thursday 4 December 2008

“…il provvedimento di sequestro è stato notificato ai carabinieri di Salerno che erano negli uffici della Procura generale per effettuare l’indicizzazione dei documenti sequestrati relativi all’inchiesta ‘Why Not’ e ‘Poseidone’. Un gruppo di carabinieri del Reparto operativo provinciale di Catanzaro è partito alla volta di Salerno per notificare ai magistrati campani il provvedimento di sequestro emesso dalla Procura generale del capoluogo calabrese. Inoltre sette magistrati della Procura di Salerno, fra cui il procuratore capo Apicella, sono indagati dalla Procura di Catanzaro”.

Non voglio nemmeno provare a capire.

Matopo.

Thursday 4 December 2008

Ci si innamora anche dei luoghi, a volte con un motivo specifico, altre volte perchè sì.

Io sono innamorato dello Zimbabwe, ho letto tutto - diciamo parecchio - e mi tuffo avidamente su ogni briciola di informazione che quei cazzoni dei giornali italiani mollano ogni tanto.

L’Economist, per dirne una, ne parla ogni settimana.

E le Matopo Hills sono uno dei tre posti più belli - di una bellezza che ti ruba l’anima, per un solo secondo magari che il sole sta per andare giù e ti siedi sulle rocce tonde - in cui io mi sia fermato a dire “che bello”.

C’è il colera, in Zimbabwe.

Io, però, ci tornerei domani, e dopo.

Liocorni.

Thursday 4 December 2008

Ci son due poco drilli
e un orango tanto…

due riccioli serpenti
e un’aquila leale…

‘zzi loro.

Wednesday 3 December 2008

Li Elii e le storie tese hanno rifiutato l’Ambrogino d’oro.

Chi non è di Milano magari non gli interessa, ma l’Ambrogino è un bel premio, che Milano da chi ha fatto qualcosa di speciale per Milano o per tenerne alto il nome, la fama etc.

Li Elii dcono che non accettano perchè Milano non ha ambrogiato anche Enzo Biagi o non ha cittadinatonorartiamente Saviano.

E vabbè.

C’avrei parecchio da dire, ma magara faccio anch’io il poiticallycorrect dde sinistra e sto zitto.

Iutùb.

Tuesday 2 December 2008

Le scimmie urlatrici hanno un’associazione, umanitaria perdippiù.

Creata con i recondito scopo di dare un senso alla cialtroneria che le spinge a cercare di farsi ammazzare, o almeno rapinare ed eventualmente anche inculare, ma questo dipende dai gusti, nelle zone più pèrfide e malefiche dell’intero continente africano, per ora, con il malcelato scopo di vedere se riusciamo a farci ammazzare o quantomeno rapinare etc. etc. anche in altri luoghi malevoli tipo america del sud o luoghi in cui i turisti li squartano direttamente sul posto.

Il Presidente Avv. Dott. Gran. Lup. Mann. Cav. Ing. Farabutt. Don Bernaschi ha anche - avendo egli tempo da buttare - fatto una sympatica presentazione dell’associazione “Facciamoci Riconoscere”, pubblicamente conosciuta con lo pseudonimo di Tavolo8 ONLUS.

Essa la presentazione, joiosa come una quinta ora di letteratura latina in un sabato di primavera, è anche stata mesa su iutùb, sia mai che qualcuno voglia dare dei soldi per non far morire dei bimbi negri.

Solo che iutùb, forse non lo sapete, esso ha memoria.

Cioè, se te vai e cerchi “incidenti in moto” e poi “nino d’angelo” e poi “donne cone le tette grosse che fanno jogging”, lui se lo ricorda.

E la volta successiva, che accedi a iutùb, egli si ricorda dei tuoi gusti e senza che tu gli abbia chiesto niente di simile - magari stai cercando “inter coppa campioni a colori”, e non trovi nulla - ti mette tra i videi correlati, accanto a reperti di Facchetti e Moratti (padre) una zìnnona che saltella, o Nino D’angelo che sfugge ad un linciaggio a Bolzano.

Recentemente con il Commendator Barnasghi si discuteva di cazzate, e lui mi ha inoltrato un po’ di videi su diversi argomenti, uno dei quali era il processo di fabbricazione della cocaina.

Quindi poi io l’altro giorno ho cercato la presentazione della associazione, essa è comparsa e bella e via che va.

Poi mentre il Prof. Bisnagli continua a spiegare perchè non è giusto che i negri muòieno, guardo tra i “videi correlati” proposti da iutùb.

C’erano due tre associazioni di amici del negro, una roba di un politico, un documentario di National Geografic e un video “CCOCAINE PARTY” con una che si pippava anche il cancellino della lavagna.

Secondo me, non è la miglior pubblicità possibile.

Here comes the rain again… III.

Monday 1 December 2008

Non vorrei sbilanciarmi, ma mi sa che quel caldo secco di agosto ce lo siamo levati dalle balle….